Cimitero

Indirizzo: Viale Rimembranza, 7, 15040 Castelletto Monferrato AL, Italia
Orari di apertura:
Novembre, Dicembre e Gennaio 8:00-17:00
Ottobre, Febbraio e Marzo 8:00-18:00
Aprile, Maggio, Giugno, Luglio, Agosto e Settembre 8:00-19:00

Descrizione storica: l'attuale nucleo storico del cimitero deriva dall'ampliamento del preesistente camposanto ottocentesco, la cui prima testimonianza archivistica risale al 1873. Il progetto, redatto nel 1914 dall'ing. Augusto Rastelli, è realizzato in poco più di due anni e comporta un raddoppio dell'area verso ovest, lungo il declivio. Una variante rispetto al progetto è quella della posizione della camera mortuaria (con sottostante ossario) e della sala autopsie, inizialmente previste interne al perimetro, al confine tra il piano e il declivio ma costruite nella posizione attuale al fine di utilizzare un terreno più stabile. La recinzione ottocentesca è abbattuta e sostituita da nuove opere in muratura laterizia. Nel 1938 è costruito il colombario fronteggiante le cappelle. Negli anni 1948-55, in 4 successivi lotti, è abbattuta parte della recinzione (lato ingresso) e costruita, in ampliamento verso ovest, l'ala dei colombari. In posizione simmetrica, in varie fasi (1964-74), si sviluppa il successivo ampliamento, l'ala colombari, che viene coperta da tetto in vetrocemento con progetto del 1973 e dotata degli ultimi loculi nel 1983. L'ampliamento a nord del cimitero si sviluppa dagli anni ottanta, in varie fasi, fino al perimetro attuale, su progetto del 2012. Con progetto del 1981 viene ricostruita la scala pedonale che collega l'ingresso a Viale Rimembranze, adeguato il tratto carrozzabile e realizzata la pavimentazione in porfido che segna la sosta feretri davanti all'ingresso e, all'interno, lungo la parte piana del percorso centrale. Due successive fasi d'intervento, del 1980 e del 1996, comportano la perdita dei caratteri architettonici risalenti al progetto Rastelli, con la ristrutturazione della camera mortuaria e della sala autopsie. Tali interventi comprendono: la sostituzione dei soffitti a volta con solai piani in laterocemento; la sostituzione degli arredi litici originali; la rimozione delle cornici delle aperture e la sostituzione dei serramenti con manufatti di alluminio; infine, nel 1996, la sostituzione dei tetti a padiglione con copertura unica a due falde.

Descrizione morfologica: il cimitero è situato a cavallo del crinale collinare ed è formato da una parte pianeggiante (risalente alla prima fase storica) ed una parte discendente (che ne costituisce l'ampliamento concluso nel 1917). Un percorso centrale, uscente dall'ingresso, collega le due parti e configura la disposizione simmetrica dei campi. Il percorso, nella parte piana, è pavimentato in cubetti di porfido, in continuità con lo spazio esterno antistante l'ingresso. La parte discendente e tutti i collegamenti sono ricoperti in ghiaia. Lungo il perimetro sono situate le cappellefunerarie. Nei primi due campi, nella parte pianeggiante, si trovano le tombe romane. Tutti gli altri campi sono occupati da sepolture a terra, con l'eccezione di due grandi cappelle private. Un'anomalia nella simmetria dell'insieme è costituita dal colombario realizzato nel 1938, a breve distanza dalle cappelle, allineato al lato ovest del perimetro. Si tratta di un edificio in muratura di cls armato, coperto a due falde con manto in fibrocemento, che ospita loculi longitudinali nel lato est e loculi trasversali nel lato ovest. Annessioni più recenti di 70 anni sono le due ali di colombari costruite, in ampliamento del perimetro originario, lungo il lato est del cimitero. La prima (1948-55), collegata mediante l'apertura dello spigolo, è priva di copertura e pavimentata in cemento, con loculi disposti sia orizzontali che trasversali. La seconda (1964-74) è collegata con un portale marmoreo a metà del braccio di cappelle, coperto con tetto in plexiglass. La pavimentazione è in piastrelle di klinker e la copertura è a due falde, in cls e vetrocemento. Da qui avviene il passaggio, tramite scala in muratura, al "cimitero nuovo", l'ampliamento realizzato in varie fasi, che si situa, a quota inferiore, lungo il lato nord. Sono edifici di proprietà comunale: la ex camera mortuaria, la ex camera delle autopsie e i colombari, tra i quali uno è di costruzione anteriore alla soglia temporale dei 70 anni. Al di sotto della camera mortuaria (a sud dell'ingresso) si trova l'ossario, costruito su progetto del 1914. Originariamente le due camere avevano tetto a padiglione e decori architettonici risalenti al progetto del 1914. Attualmente la copertura a due falde, in laterizio piano, è comune ai due edifici, le aperture sono prive di cornici e i serramenti sono in alluminio anodizzato. Internamente hanno soffitto piano, la camera mortuaria ha pareti rivestite in piastrelle di ceramica. Il paramento esterno è intonaco tinteggiato, in continuità con i prospetti esterni del cimitero.